Quantcast
Connect with us

Ambiente

Il Comitato Pastori d’Italia visita il Parco Monte Labbro

Mirella Pastorelli: “Ottimo lavoro, ma per quanto riguarda progetto lupi e ibridi, siamo nettamente in disaccordo”.

Published

on

reti-elettrosaldate-contro-predatori-lupi

Nei giorni scorsi, la presidente del Comitato Pastori d’Italia, Mirella Pastorelli, su invito del presidente dell’Unione dei comuni Amiata grossetana, Massimo Galli ha visitato il Parco faunistico del Monte Labbro, per vedere e toccare con mano le migliorie e le cose realizzate per valorizzare il patrimonio della montagna, grazie ai fondi messi a disposizione della Regione Toscana.

“Sono stata ricevuta, – dice Mirella Pastorelli – dalla direttrice del Parco Donata Marruchi e dall’assessore Maurizio Ranucci del comune di Arcidosso, i quali hanno illustrato e fatto vedere quanto è stato fatto, come ad esempio le reti elettro saldate che  separano uno spazio adibito agli ibridi, adesso momentaneamente affidati al CRASM  di Semproniano, e uno spazio dedicato ai lupi, e molte altre cose”.

“Davvero un ottimo lavoro, – commenta la presidente dei Pastori d’Italia – per questo ringrazio il presidente Massimo Galli, il quale ha saputo valorizzare un patrimonio importante, che grazie a un lavoro mirato di riqualificazione, diventerà un punto di richiamo anche per i turisti”.

“Ho appreso dalla direttrice del Parco, – prosegue Pastorelli – quali saranno i progetti che verranno realizzati una volta conclusi i lavori. Progetti che punteranno anche sulla qualità dei prodotti locali”.

Fin qui tutto bene. Poi, però, la presidente Pastorelli ha rimarcato il proprio disaccordo, e quello del Comitato Pastori che rappresenta, riguardo all’imminente inserimento degli ibridi che si trovano al CRASM di Semproniano.

“Si parla, di inserimento di lupi e ibridi, – dice la Pastorelli – e ad oggi sembrerebbe che ci sia uno solo lupo nell’area ad essi adibita. “Non possiamo pensare di continuare a spendere soldi pubblici per sfamare degli ibridi, quando molte famiglie non sanno di che vivere. Inoltre, l’inserimento di predatori in quell’area, potranno fungere da richiamo per altri predatori che si trovano in giro per i boschi circostanti. In una zona, come quella alle pendici del Monte Labbro, vocata alla pastorizia”.

“Quest’ultima soluzione, – conclude Mirella Pastorelli – se adottata, potrà portare solo ulteriori problemi agli allevatori della zona, che già hanno le greggi decimate, e le cronache locali sono piene di queste notizie, per la presenza di predatori. Noi come Comitato Pastori, ci batteremo in tutte le sedi, in passato abbiamo raccolto anche delle firme, perché la soluzione prospettata non avvenga”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it