Quantcast
Connect with us

Attualità

‘Giorno del Ricordo’,  FDI: ‘Per anni vittime cancellate dalla memoria italiana’

Fabrizio Rossi: “Un momento di riflessione per commemorare le tante vittime colpevoli di essere italiane e quindi condannabili a morte dal regime comunista del maresciallo Tito”.

Published

on

Fabrizio Rossi

E’ quasi vent’anni, da quando nella primavera del 2004, grazie alle molteplici iniziative, tra le quali anche quelle di un gruppo di parlamentari, tra i quali spiccava anche il nome dell’Onorevole Ignazio La Russa di Fratelli d’Italia, è entrata in vigore la legge n. 92/04, istituita per commemorare il “Giorno del Ricordo”. La data del 10 Febbraio, nella quale in memoria dei tanti cittadini italiani, esuli Dalmato-giuliani e istriani, vittime delle Foibe del regime comunista del maresciallo Tito nella ex Jugoslavia, si commemora dal 2004 questi tragici eventi, dove donne, uomini, ragazzi e ragazze, per il solo essere cittadini italiani, furono catturati, torturati, seviziati e poi brutalmente gettati ancora vivi nelle profonde fosse carsiche: le Foibe.

“Oggi vogliamo ricordare, – commenta Fabrizio Rossi, coordinatore regionale Fratelli d’Italia Toscana – uomini e donne, esseri umani che furono legati e gettati vivi nelle Foibe, le profonde fosse delle cavità carsiche, e li lasciati morire barbaramente dai comunisti titini, mentre altri furono costretti a fuggire e abbandonare tutto ciò che avevano, per il solo fatto di essere italiani”.

“Il Giorno del Ricordo, – prosegue Rossi – deve essere un momento di profonda riflessione da parte di tutti per memorizzare nelle nostre menti e nei nostri cuori, non soltanto quel tragico momento storico, tra l’altro per lungo tempo volutamente dimenticato e negato da molti, che ha colpito da vicino tantissime famiglie di cittadini italiani, ma deve essere un momento dove tutti dobbiamo riflettere e condannare ogni forma qualsiasi forma di violenza.

“Il Giorno del Ricorso, – conclude Fabrizio Rossi – deve rappresentare per tutta la comunità italiana, un momento di rispetto verso quegli esseri umani, e sono ancora tante le famiglie italiane che questo triste ricordo ancora lo portano nel cuore, che hanno lottato con tutti i mezzi democratici a disposizione, affinché anche questa storia venisse riconosciuta e portata alla luce, rendendo onore a queste vittime innocenti”. 

Click to comment

Rispondi

Notizie sportive





I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it