Quantcast
Connect with us

Ambiente

Lotta all’inquinamento marino: nasce il network delle città costiere

Una piattaforma raccoglie le buone pratiche già esistenti per trasferirle in tutti i paesi del Mediterraneo

“I Comuni maremmani in prima linea per la sostenibilità costiera ”

Published

on

Arriva un nuovo strumento per proteggere il Mar Mediterraneo dai rifiuti. È il Network delle Città Costiereuna rete di buone pratichegià introdotte nel territorio italiano, che da oggi saranno a disposizione di chiunque voglia replicarle.  A tenerle insieme è COMMON, progetto di cooperazione finanziato da Eni CBC Med che vede Italia, Libano e Tunisia impegnate nella lotta al marine litter e in una gestione più sostenibile dei rifiuti.

Protagonisti per la Maremma i Comuni di Castiglione della Pescaia, Follonica, Isola del Giglio, Grosseto, Monte Argentario, Orbetello e Scarlino, che nell’ultimo anno e mezzo hanno preso parte a un percorso di confronto reciproco, con i colleghi del Salento e con gli operatori del settore turistico e della pesca, attivato dal progetto Common e che adesso andranno a condividere le proprie esperienze a livello mediterraneo.

Condividere progetti virtuosi e trasferire strategie e soluzioni innovative in aree che stanno affrontando le stesse criticità: questi gli obiettivi alla base della rete presentata oggi da  Legambiente  e CIHEAM Bari,  in un incontro online dedicato ai Comuni toscani e pugliesi, due aree pilota del progetto COMMON. L’incontro ha visto la partecipazione di Comuni della provincia di Grosseto e del Salento. 

Dalle scuole plastic free agli impianti erogatori diacqua di qualità, dalla gestione sostenibile del turismo nelle aree protette ai presidi slow food: sono già 15 le buone pratiche raccolte dalla rete del progetto COMMON, afferenti a due macro-categorie: riduzione della produzione dei rifiuti/riciclaggio e gestione dei rifiuti durante le attività di pesca. 6 i Comuni che hanno già aderito, presentando le proprie schede: 4 toscani (Castiglione della Pescaia, Grosseto, Follonica, Scarlino) e 3 quelli pugliesi (Taranto, Porto Cesareo e Castro), ma il numero è destinato a salire nei prossimi giorni.
Tutte le buone pratiche messe a disposizione dei territori saranno raccolte nella piattaforma www.commonproject.it nella sezione “Coastal Cities Network”, che nelle prossime settimane vedrà la partecipazione dei comuni libanesi e tunisini, i due paesi coinvolti insieme all’Italia, nel progetto COMMON. Far parte della rete è semplicissimo, basta scrivere all’indirizzo e.scocchera@legambiente.it  raccontando allo staff del progetto la buona pratica da condividere.
Siamo molto soddisfatti del percorso intrapreso in Maremma, che si conferma territorio attento alle criticità ambientali legate al marin litter e alla gestione dei rifiuti e, per questo, aperto a percorsi virtuosi” spiega Valentina Mazzarelli coordinatrice del progetto per l’area pilota Maremma. “In più di un anno e mezzo, COMMON ha creato non solo occasioni di confronto reciproco, ma soprattutto di ascolto rispetto alle diverse istanze presenti ai tavoli virtuali: quelle degli enti, dei pescatori, del settore turistico balneare. Da questi momenti sono altresì nate nuove progettualità che hanno dato importanti risultati che si aggiungono all’altrettanto importante lavoro di sensibilizzazione e informazione che il progetto ha rivolto alle scuole con il contest We are all Med e ai cittadini e turisti con la campagna Beach Clean.
Il partenariato: Il progetto COMMON vede coinvolti Legambiente, l’Università di Siena, l’Istituto Nazionale di Scienze e Tecnologie del Mare di Tunisi, il CIHEAM Bari, l’ONG libanese Amwaj of the Environment, l’Università di Sousse e la riserva naturale di Tyre, in Libano. L’obiettivo comune è la riduzione del marine litter in 5 aree pilota, pianificando l’uso e il monitoraggio delle risorse e utilizzando un approccio partecipativo, con l’ambizione di testare un modello potenzialmente trasferibile a tutto il bacino mediterraneo.

Click to comment

Rispondi

I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it