Quantcast
Connect with us

Ambiente

Fioriture anticipate, Fedagripesca Confcooperative Toscana: “Belle ma il rischio sono le gelate tardive”

L’allarme del presidente Tistarelli: “Lo scorso anno registrato un calo medio di produzione del 70% dopo le gelate di marzo e quelle di aprile, subito in campo contromisure”

Published

on

Belle le fioriture anticipate che si vedono anche quest’anno, ma attenzione alle possibili gelate tardive. E’ il monito di Fedagripesca Confcooperative Toscana alla luce dell’andamento meteorologico delle ultime settimane, che ha portato ad una fioritura anzi tempo nelle colture dei produttori ortofrutticoli. “Lo scorso anno si è registrato un calo medio di produzione del 70% dopo le gelate di marzo e soprattutto quelle di aprile – dice Fabrizio Tistarelli, presidente di Fedagripesca Confcooperative Toscana –. Facciamo in modo che non tutto il gelo sia venuto per nuocere”.

Tra le pratiche preventive che stanno prendendo sempre più piede c’è quella dell’irrigazione antibrina o sovrachioma che, cospargendo di acqua le colture quando la temperatura scende sotto lo zero, permette di formare uno strato di ghiaccio su tutti gli organi vegetali che funge da isolante tra l’aria più fredda e la pianta.

“Di fronte ai profondi cambiamenti climatici a cui stiamo assistendo negli ultimi anni – prosegue Tistarelli – la prevenzione è diventata un elemento imprescindibile per chi intende investire in agricoltura. Ma le risorse a disposizione non sono sufficienti, meno ancora i ristori ben lontani dai danni. Anche perché il caro energia e l’aumento dei prezzi stanno pesando già molto anche sugli agricoltori”.

“Abbiamo accolto con favore l’impegno della Regione Toscana – conclude il presidente di Fedagripesca Confcooperative Toscana – quando lo scorso anno ha chiesto al Mipaaf lo stato di calamità dopo aver raccolto oltre 2700 segnalazioni con danni stimati in oltre 250 milioni di euro. Nei mesi scorsi abbiamo apprezzato l’impegno nell’incentivare proprio la pratica dell’irrigazione antibrina con contributi alle giovani imprese. Ma oggi chiediamo che quella misura ampi il suo raggio e consenta ad un numero più elevato di imprenditori e agricoltori di fare prevenzione nei campi. Solo così sarà possibile alleviare i danni da gelate tardive e, conseguentemente, evitare di richiedere ristori mai congrui ai danni effettivamente subiti”.

Click to comment

Rispondi

Notizie sportive





I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it