Quantcast
“Come diventare un Abile Ascoltatore” il nuovo libro di Miranda Galletti

“Come diventare un Abile Ascoltatore” il nuovo libro di Miranda Galletti

Redazione Nessun commento

miranda-galletti
miranda-galletti

“Leggiamo per sapere che non siamo soli” ma è anche vero che ascoltiamo per sentirci parte di un qualcosa a cui siamo uniti indissolubilmente. L’ascolto autentico, che potremmo anche definire una miscela di competenza, razionalità e compassione, produce armonia e rinnovata energia all’interno di una relazione, di una famiglia, di un contesto professionale. Un leader che ne fosse carente difficilmente saprebbe governare sé stesso e condurre un team verso il successo della sua organizzazione, perché solo l’ascolto autentico permette di conoscere le persone in profondità, di entrare in contatto con i loro bisogni, le loro paure e i loro sogni, così da poterle collocarle nei ruoli a loro più congeniali e ottenerne il massimo contributo.

Ritengo che l’ascolto autentico sia l’elemento fondamentale della comunicazione e l’ingrediente indispensabile per rendere efficace ogni relazione, personale e professionale. credo che oggi, in particolare, sia necessario approfondire questa facoltà che si dà per scontata ma che invece è necessario apprendere adeguatamente. la sua carenza porta inevitabilmente al conflitto. Chi non sa ascoltare è solo, fa sentire soli gli altri ed è portato sempre a confliggere perché se manca l’ ascolto non si può incontrare proprio nessuno, né apprezzarne le qualità; si rimane soli con le proprie ragioni. ho scritto questo libro per stimolare la riflessione su questo aspetto della relazione con sé stessi e con gli altri e per indicare una via che porta al miglioramento dei nostri rapporti interpersonali e di conseguenza della nostra vita.

“E’ un testo che si distingue per la chiarezza espositiva e per i contenuti valoriali, molto utile per orientarsi nei meandri non sempre facili delle relazioni. Per me è stato uno strumento importante sia per una revisione personale di vita sia per migliorare l’ascolto e favorire collaborazioni. “

Mons. Franco Agostinelli Vescovo

Leave a comment

Rispondi