Quantcast
Connect with us

Attualità

Festa del patrono della Polizia

Il messaggio del vescovo Giovanni nell’omelia: “Il bene e il male esistono e agiscono nella storia dell’uomo e l’uomo deve decidere da che parte stare. Aiutiamo i giovani a fare loro il valore della legalità perché si sforzino di costruire una società basata su rapporti reciproci di buono spessore”

Published

on

 E’ stato un messaggio sull’importanza della legalità da insegnare, praticare, trasmettere, quello che il vescovo Giovanni ha voluto lanciare questa mattina, celebrando, nella cattedrale di Grosseto, la Messa solenne nella festa degli arcangeli Gabriele, Michele e Raffaele. Michele è, infatti, il patrono della Polizia, rappresentata dal questore Antonio Mannoni con donne e uomini della Polizia di Stato, ma anche dal Prefetto e da numerose autorità istituzionali e militari. Ha concelebrato don Emanuele Salvatori, cappellano della Polizia di Stato.

La prima lettura della Messa era tratta dall’Apocalisse e questo ha dato al vescovo Giovanni lo spunto per sottolineare che nel linguaggio biblico la parola “apocalisse” ha tutt’altro che un’accezione nefasta. “E’ l’annuncio di una vittoria definitiva – ha spiegato – quella del bene, che è Cristo, sul male”. E non si tratta di un’allegoria: “Il bene e il male esistono – ha ribadito il Vescovo – e agiscono nella storia dell’uomo! E l’uomo è chiamato a decidere da quale parte vuole stare. Una decisione nell’intimo della coscienza, certo, ma una decisione anche sociale, che orienti cioè la società tutta verso il bene: quello dei singoli, quello delle persone più fragili e disagiate, il bene di coloro che non sanno costruirsi un futuro e soprattutto il bene di coloro che si affacciano alla vita, i bambini”.

Poi, traendo spunto da un passaggio del documento conciliare Gaudium et spes, il vescovo Giovanni ha richiamato il valore della legalità come uno degli elementi essenziali per la costruzione della società. “Voi – ha detto rivolgendosi alle donne e agli uomini della Polizia – ne siete i rappresentanti e i custodi”. “Certo – ha subito aggiunto – la legalità da sola non basta, ma serve. Ci possono essere, certo, anche leggi contro l’uomo, ma in quel caso la coscienza sociale, la coscienza individuale, la cultura e per i cristiani la fede devono far alzare la voce. Tuttavia la legge come tale serve alla convivenza, serve a tutelare i diritti di ciascuno, ma anche i doveri! Auguriamoci di saperlo insegnare alle nuove generazioni; auguriamoci di saperlo insegnare con l’esempio, ma anche con le parole ai nostri figli e nipoti perché si sforzino di costruire una società basata sui rapporti reciproci alti, di buono spessore, di validità umana e spirituale e di non abbandonarsi a chi grida di più, a chi ha le “armi” in mano, a chi ha la prepotenza sociale individuale e soprattutto della coscienza”.

Al termine della Messa, nel ringraziare il questore per le parole rivolte, il vescovo Giovanni ha lanciato un ultimo appello: ad aprire sempre di più i luoghi della legalità, compresa la questura, ai ragazzi, alle scolaresche “perché imparino la convivenza civile, che non toglie la dialettica dei rapporti e delle idee, anzi la sostiene, nel rispetto di se stessi e degli altri. Il Vangelo ci dice: amerai il prossimo tuo come te stesso; l’amore, dunque, parte dal rispetto di sé: chi è abituato a imbrogliare se stesso, prima o poi lo pretenderà anche dagli altri”.

Click to comment

Rispondi

Notizie sportive





I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it