Quantcast
Connect with us

Ambiente

Inceneritore Scarlino, FDI: ‘Tanto tuonò che piovve’

“Tanto tuonò che piovve. Finalmente, dopo anni di tira e molla, la Commissione Ambiente della Regione Toscana ha rispedito al mittente la richiesta di autorizzazione al revamping dell’impianto di incenerimento a Scarlino e archiviata la pratica”, affermano Salvatore Aurigemma responsabile circolo FDI Scarlino, e Paolo Raspanti, consigliere comunale Fratelli d’Italia.

Published

on

piana-di-scarlino

“Un progetto, quello di Scarlino Energia, – commentano – che non risolve le grandi criticità per un impianto nato vecchio, riutilizzando i vecchi forni per l’arrostimento delle piriti e non adatto allo scopo per il quale era stato successivamente utilizzato”.

“Il progetto di modifica, – spiegano Aurigemma e Raspanti – presentato da Scarlino Energia, come avevamo affermato in un nostro intervento sulla stampa al momento della richiesta alla Regione, era solo una foglia di fico che nulla toglieva ai rischi, purtroppo verificatisi, dell’emissione di sostanze nocive per l’ambiente e le popolazioni”.

“Questa è la vittoria, – concludono gli esponenti di Fratelli d’Italia Scarlino – di chi ha sempre creduto che l’impianto non sia mai stato utile al territorio e alle sue necessità, e che esistono altri e più proficui sistemi per lo smaltimento dei rifiuti. In primis, la raccolta differenziata spinta e la cosiddetta economia circolare. Hanno vinto soprattutto i cittadini, che con un sospiro di sollievo, vedono concludersi positivamente una vicenda che è durata fin troppi anni e che ha visto anche una sentenza del Consiglio di Stato che boccia senza appello l’impianto. Ora ci auguriamo che il Presidente Giani non ci mandi i carrarmati”.

Click to comment

Rispondi

I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it