Quantcast
Connect with us

Arte

MASSIMO PELAGAGGEPICCOLA POESIA ANTICADal 18 dicembre 2021 al 7 gennaio 2022 | Aperta tutti i giorni ore 16.00 – 19.00

INAUGURAZIONE sabato 18 dicembre alle ore 18,00

Published

on

Questa mostra presenta un fotografo raffinato che ama sperimentare, fuori dagli schemi e dai percorsi spesso omologati del digitale.

Si tratta di una collezione di foto stenopeiche e, insieme, della nuova collezione HERBARIUM con immagini elaborate dalla luce: un minimalismo espressivo che nemmeno fa più uso della macchina stenopeica.

Galleria Spaziografico ospita una mostra intensa e di grande poesia di un fotografo raffinato e sperimentatore: Massimo Pelagagge.

Massetano, presidente del Fotoclub della città, Pelagagge presenta una collezione preziosa con opere frutto di una ricerca fotografica stenopeica, realizzate con una macchina fotografica di sua costruzione alla quale è arrivato dopo una esperienza trentennale in questo campo.

Sospese nel tempo e nello spazio, le sue immagini fissano dimensioni immaginifiche in cui l’unica chiave di lettura è quella intima e poetica. Opere uniche, dove la ricerca si spinge oltre il mezzo fotografico, dove la prima impressione sulla pellicola diventa la base di partenza per gli interventi dell’autore. In fase di sviluppo l’artista trasforma la fotografia in un’opera unica e riconoscibile dove i difetti vengono valorizzati, alla ricerca di sensazioni e di emozioni profonde da trasmettere all’osservatore.

Una tecnica antica in cui il tempo di posa si dilata e la precisione della composizione diventa canone fondamentale per la riuscita di ogni singolo scatto, di ogni singola parte della storia che Pelagagge desidera raccontare.

Dopo essere tornato all’essenziale con la macchina stenopeica, ha intrapreso una nuova sperimentazione, togliendo la macchina fotografica stessa: attraverso la manipolazione sapiente, l’esposizione luminosa e le reazioni chimiche guidate, Pelagagge crea immagini dove il soggetto viene scolpito direttamente dalla luce.

Nella serie denominata “Herbarium”, che in questa mostra propone in anteprima, ha dato vita ad uno studio sulle forme del regno vegetale proponendo immagini intense, riconoscibili e mai banali, dove l’osservatore si trova immerso in una natura distinguibile, eppure nuova.

A Massimo Pelagagge abbiamo rivolto due domande per approfondire la sua poetica:

Quanto è importante per te la sperimentazione?

La sperimentazione è fondamentale per me, le mie opere nascono dall’esigenza di uscire dall’omologazione e dalla moltiplicazione delle immagini. Il fruitore odierno è sovraesposto a una molteplicità di immagini belle e patinate che omologano anche il suo gusto. La mia ricerca invece mi spinge a creare immagini concettuali, uniche nella loro semplice complessità.

Perché la scelta di utilizzare la macchina stenopeica?

Nonostante ci siano macchine fotografiche potenti, con l’utilizzo di un mezzo fotografico ‘povero’ intendo dimostrare che è possibile creare opere d’arte grazie alla sapienza e alla sensibilità. L’opera d’arte non è preclusa a nessuno e si possono creare ottime fotografie con mezzi minimi ed essenziali, utilizzando soggetti da indagare nel loro spirito più che nella loro bellezza.

Lo spirito dell’artista racchiuso in uno scatto, in una piccola poesia antica.

A cura di Gian Paolo Bonesini e Carla Moscatelli

GALLERIA SPAZIOGRAFICO | Vicolo del Ciambellano 7 | Massa Marittima (GR)
Info: galleria.spaziografico@gmail.com | +39 333 9777614
http://www.facebook.com/galleriaspaziografico/posts
https://galleria-spaziografico.business.site

Click to comment

Rispondi

I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it