Quantcast
Teatro Fonderia Leopolda: dal 15 novembre riparte la nuova stagione

Teatro Fonderia Leopolda: dal 15 novembre riparte la nuova stagione

Redazione Nessun commento

Il teatro Fonderia Leopolda si prepara ad alzare il sipario. Prenderà il via ufficialmente martedì 15 novembre la stagione teatrale follonichese, con un calendario ricco di proposte non solo per la stagione teatrale canonica, ma anche con una serie di progetti di altri percorsi e di appuntamenti per i più piccoli, con la rassegna “Famiglie a teatro”. In continuità con la direzione artistica di Eugenio Allegri, l’obiettivo è quello di fare del Teatro Fonderia Leopolda un luogo aperto alla città e strettamente connesso ad essa.

 Dopo le difficoltà incontrate nelle fasi più difficili dell’emergenza Covid, quindi, la stagione teatrale, voluta dall’amministrazione comunale e realizzata da Ad Arte Spettacoli, aggiudicatrice del bando di gara, prenderà il via per tutti gli appassionati che potranno tornare a frequentare la ex Fonderia leopoldina. Da venerdì 14 ottobre gli abbonati delle ultime due stagioni (2019/2020 – 2021/2022) potranno rinnovare il proprio abbonamento con un diritto di prelazione. Sono otto gli spettacoli proposti da metà novembre fino a domenica 23 aprile, che spaziano dai grandi classici del teatro, come “Il mercante di Venezia” con Franco Branciaroli, opera che aprirà la stagione, passando per altri tipi di proposte come “Paradiso XXXIII” di e con Elio Germano e Theo Teardo (lunedì 28 novembre), lo spettacolo di parole e musica di Paolo Rossi, in calendario per giovedì 2 marzo, o lo spettacolo cult di Carrozzeria Orfeo “Thanks for Vaselina”, in programma il 27 gennaio.

 Sarà ricca e originale anche la programmazione per la rassegna “Famiglie a teatro”, che esordisce domenica 27 novembre con “Out”, proposto dalla compagnia Unterwasser; prosegue il 18 dicembre con “Il fiore azzurro” della compagnia Burambò, di e con Daria Paoletta; “Rumori nascosti”, ispirato al libro “I lupi nei muri” di Neil Gaiman sarà messo in scena dal Teatro del Buratto l’8 gennaio; conclusione con “Trucioli” di Coppelia Theater il 29 gennaio. Sono previste, poi, per alcuni spettacoli una serie di repliche mattutine, dedicate alle scuole, con l’obiettivo di avvicinare al teatro i ragazzi in età scolastica.

 “Anche quest’anno il Teatro Fonderia Leopolda torna a presentare un grande lavoro culturale, iniziato dal maestro Eugenio Allegri – commenta il sindaco Andrea Benini –. Proprio lui ci ha insegnato quanto il teatro debba essere considerato come elemento irrinunciabile della comunità civile, di donne e di uomini che formano la società. E a Follonica, adesso, stiamo portando avanti questa lezione”.  

“La proposta di stagione che la società Ad Arte ha presentato – commenta Barbara Catalani, assessore alla Cultura del Comune di Follonica – è un lungo viaggio nel teatro italiano e internazionale, che riporta in città alcuni artisti simbolo delle precedenti stagioni. Quasi a voler celebrare i momenti più felici e apprezzati delle rassegne passate.  Siamo molto contenti dell’esito del bando che vedrà la presenza della compagnia Zaches, a cui saranno affidate formazione ed educazione, progetti speciali e innovativi”.  

Accanto alle due stagioni teatrali è in programma la rassegna “Altri percorsi”, che propone una serie di appuntamenti con spettacoli di qualità, pensati per aprire il Teatro Fonderia Leopolda a nuovi linguaggi e giovani compagnie (costo del biglietto, posto unico, 12 euro). Si parte venerdì 9 dicembre, con “Nives”, tratto dal romanzo dell’autore follonichese Sacha Naspini e portato in scena da Giorgio Zorcù, mentre il 12 gennaio salirà sul palco la compagnia Proxima Res con “Poetica” di Tindaro Granata, una mappa “umanografica” dei paesi italiani, che prende le mosse dalle poesie di Franco Arminio, il “poeta paesologo”. Domenica 12 marzo, invece, arriva “Pinocchio”, di Zaches Teatro, adattamento originale e ironico della favola di Carlo Collodi, per arrivare venerdì 31 marzo allo spettacolo “Calcinculo”, candidato ai premi Ubu come miglior novità italiana e messo in scena da Babilonia Teatri.

 “Il calendario di proposte che abbiamo elaborato per il Teatro Fonderia Leopolda – spiega Lorenzo Luzzetti, di Ad Arte Spettacoli – si pone in continuità e porta avanti il lavoro avviato con la direzione di Eugenio Allegri: un calendario che mette al centro il Teatro e la sua magia, con proposte che vanno dal teatro classico al teatro di figura e con un approfondimento sulla drammaturgia contemporanea e le giovani compagnie italiane, con la rassegna ‘Altri Sguardi’”.

“La nostra idea di teatro – aggiunge Federico Babini, di Ad Arte Spettacoli – è quella di un luogo aperto alla comunità e anche in questo senso rientrano le contaminazioni e i progetti che realizzeremo con la compagnia residente Zaches Teatro, che sono pensati per portare altri pubblici in teatro o per contaminare con lo spettacolo spazi diversi”. Una sorta di teatro-piazza, dunque, dove i cittadini possono incontrarsi, avvicinarsi all’arte e vivere l’antica Fonderia appieno.  

“E’ un grande onore per me e per tutta la compagnia – ha detto Luana Gramegna, direttrice artistica Compagnia Zaches Teatro – poter collaborare con il Comune di Follonica e con Ad Arte Spettacoli a questa stagione teatrale. Abbiamo avuto la fortuna e il privilegio di conoscere Eugenio Allegri e seguendo il suo esempio abbiamo costruito la nostra proposta artistica. Una proposta che vuole far pensare, riflettere ed emozionare, rivolta alle famiglie e incentrata su un percorso di spettacoli adatti a pubblici diversi”.

 ZACHES TEATRO, LA COMPAGNIA RESIDENTE
Una novità di quest’anno è la presenza della compagnia residente Zaches Teatro, specializzata in teatro e danza e attiva dal 2007, sostenuta dalla Regione Toscana, che darà vita a una serie di progetti collaterali all’attività teatrale, come laboratori e altre esperienze formative, che prenderanno vita per favorire il collegamento del Teatro Fonderia Leopolda, con le scuole della città e con altre istituzioni, come il Museo Magma, ad esempio.

Fanno parte del gruppo Luana Gramegna (coreografa, regista, drammaturga, formatrice), Francesco Givone (scenografo, mascheraio e light designer, docente di trucco, maschera teatrale e scenografia), Stefano Ciardi (compositore, musicista e sound designer), Enrica Zampetti (performer, formatrice e project manager), Gianluca Gabriele (performer, musicista, formatore). L’eterogeneità delle competenze permette di creare un gruppo creativo compatto e trasversale, in cui ognuno è chiamato a dare contributi specifici in costante dialogo con gli altri. Fin dalla sua fondazione, Zaches Teatro è interessata a indagare il connubio tra differenti linguaggi artistici: la danza contemporanea, i mezzi espressivi del teatro di figura, l’uso della maschera.

  ABBONAMENTI
Dal 14 fino a giovedì 20 ottobre gli abbonati delle stagioni 2019/2020 e 2021/2022 potranno acquistare l’abbonamento completo che prevede otto spettacoli e da venerdì 21 ottobre fino a lunedì 24 ottobre, potranno acquistare gli abbonamenti di tipologia A e B, che prevedono la possibilità di vedere quattro spettacoli della stagione (nella tipologia A è compreso “Il Mercante di Venezia”, “Accabadora”, “Addio Fantasmi”, “Così è se vi pare”; nella tipologia B sono inclusi, invece, “Paradiso XXXIII”, “Thanks for Vaselina”, “Scorrettissimo me”, “Feste”).  Le persone disabili o impossibilitate a recarsi all’ufficio Iat, che desiderano rinnovare il proprio abbonamento possono farlo telefonando al numero dello Iat (0566/52012) e ritirando il proprio abbonamento in occasione del primo spettacolo. 
Chi desidera sottoscrivere un nuovo abbonamento potrà farlo da martedì 25 ottobre scegliendo sia l’opzione per l’abbonamento completo, con gli otto spettacoli in calendario, sia per le tipologie A e B con quattro spettacoli.

La vendita dei biglietti per i singoli spettacoli avrà inizio mercoledì 2 novembre.
Gli abbonati ad otto spettacoli avranno un biglietto gratuito per uno degli spettacoli della rassegna “Altri percorsi” (escluso “Nives”).

  
GLI SPETTACOLI DELLA STAGIONE

 In calendario “Il mercante di Venezia” con Franco Branciaroli, proposto dal Teatro stabile del Friuli Venezia Giulia, martedì 15 novembre; “Paradiso XXXIII” di e con Elio Germano e Theo Teardo, il 28 novembre; “Accabadora” dal romanzo di Michela Murgia, drammaturgia Carlotta Corradi, con Anna Della Rosa, produzione Savà, il 15 dicembre; “Thanks for Vaselina” di Carrozzeria Orfeo, il 27 gennaio; “Addio Fantasmi” tratto dal romanzo di Nadia Terranova, con Anna Bonaiuto e Valentina Cervi, una produzione di Infinito teatro, il 16 febbraio; lo spettacolo di parole e musica “Scorrettissimo me – Per un futuro, immenso repertorio di Paolo Rossi,”, il 2 marzo; “Così è se vi pare”, un classico di Luigi Pirandello con Milena Vukotic, Pino Micol, Gianluca Ferrato il 16 marzo; “Feste” , una produzione di Familie Flöz, in coproduzione con Theaterhaus Stuttgart, Theater Duisburg, il 23 aprile.

 Per l’abbonamento agli otto spettacoli i costi vanno da 120 euro e 104 euro per l’intero e il ridotto nel primo settore e da 100 e 72 per l’intero e il ridotto nel secondo settore; gli abbonamenti A e B per quattro spettacoli variano da 70 e 60 euro per l’intero e il ridotto nel primo settore, a 56 e 40 euro per l’intero e il ridotto nel secondo settore. I biglietti singoli hanno un costo di 24 e 20 euro (intero e ridotto nel primo settore) e 19 e 15 euro (intero e ridotto per il secondo settore). Le riduzioni sono valide sotto ai 25 anni e sopra i 65. Gli acquisti possono essere effettuati allo Iat (ufficio informazioni turistiche) di Follonica, in via Roma 49 (tel. 0566/52012) o online su http://www.leopolda.adarte.18tickets.it.

  • Franco Branciaroli – foto di Simone di Luca 
  • Anna Della Rosa – foto di Marina Alessi
  • Paolo Rossi – foto di Monique 
  • Carrozzeria Orfeo – foto di Laila Pozzo
  • Elio Germano – foto di Zani-Casadio 

Per le foto della presentazione di oggi: 

  • nella foto sul palco, da sinistra Federico Babini (Ad Arte Spettacoli), Barbara Catalani (assessora alla Cultura Comune di Follonica), Andrea Benini (sindaco di Follonica) Enrica Zampetti e Luana Gramegna (Zaches Teatro), Lorenzo Luzzetti (Ad Arte Spettacoli)
  • nella foto in piedi, da sinistra  Federico Babini e Lorenzo Luzzetti (Ad Arte Spettacoli),  Barbara Catalani (assessora alla Cultura Comune di Follonica), Andrea Benini (sindaco di Follonica), Luana Gramegna ed Enrica Zampetti (Zaches Teatro).
Leave a comment

Rispondi