Quantcast
Connect with us

Attualità

Face Off, tre spettacoli in un’unica serata

Giovedì 26 agosto il festival torna nel Giardino dell’archeologia

Published

on

Tre spettacoli in un’unica serata con Face Off–Tra le mura oltre. Il festival dedicato alla danza a cura della Compagnia Simona Bucci/ Compagnia degli Istanti, torna nel Giardino dell’archeologia (Grosseto) giovedì 26 agosto alle 21.15 con tre esibizioni “Acqua di pietra”, l’anteprima di “Partie vide” e “Meraki”. L’ingresso costa 3 euro: è consigliata la prenotazione ai numeri 328 6452779 o 340 1369666 oppure inviare una mail a info@compagniadegliistanti.it. Per assistere all’evento occorre avere il Green pass. “Acqua di pietra. Fonti di prodigi” è prodotto dall’associazione AnimaScenica in collaborazione con l’Archivio delle tradizioni popolari della Maremma grossetana. I testi e la regia sono di Irene Paoletti, anche interprete insieme con la coreografa Isabella Tattarletti, mentre la musica è affidata a Emanuele Bocci (pianoforte, percussioni, fisarmonica) e i costumi sono di Jasmin Lepore. «Lo spettacolo – dicono dalla compagnia – si immerge nell’entroterra mitologico della Maremma seguendo la “via dell’acqua”, cioè narrando le storie e leggende legate alle fonti d’acqua più interessanti del territorio maremmano. L’acqua, elemento primario, originario e indissolubile dell’universo conduce in un percorso mistico tra sacro e profano. Lo spettacolo si sviluppa in un susseguirsi di immagini suggestive e evocative di narrazioni poetiche, danza contemporanea e musica». La seconda esibizione è affidata alla Compagnia degli Istanti: Françoise Parlanti presenta in anteprima “Partie vide”, ideato in collaborazione con Eleonora Chiocchini, con il sostegno del ministero dei Beni culturali e della Regione Toscana. «”Partie Vide” – dicono dalla compagnia – indaga il concetto di abitare il vuoto, quest’ultimo inteso come spazio di relazione e dialogo fra un corpo femminile e tre elementi scenografici: due sedute e una cornice. È proprio la scenografia, realizzata appositamente da Paolo Morelli, che diventa un tutt’uno con il corpo che la muove e contemporaneamente architettura spaziale da esso separata. Il tempo dell’azione è un flusso continuo, un unico viaggio in cui musica, scenografia e partitura fisica riempiono i sensi di chi osserva». La serata si concluderà con “Meraki” spettacolo prodotto da Yoy Performing Arts/Nuovo Balletto di Toscana in collaborazione con Meccaniche della Meraviglia, ideato da Emma Zani, Timoteo Carbone e Luca Parolin. Sul palco saliranno Emma Zani e Roberto Doveri. «”Meraki” – dicono dalla compagnia – è una performance costruita “intorno e con” un’opera del grande artista, “Leone d’oro” alla Biennale di Venezia, Medhat Shafik. L’opera d’arte non è più relegata a semplice elemento scenografico ma diventa coprotagonista dell’azione performativa: per un attimo prende vita, facendo esplodere tutta la sua potenzialità espressiva attraverso la musica ed il movimento. Gli oggetti di Shafik, costruiti da elementi sovrapposti di juta, garze e tessuti dai colori naturali e splendenti, sono una metafora della stratificazione della storia, dei danni dell’uomo alla natura e la ricostruzione, dopo un evento traumatico, si trasforma in un viaggio onirico che trae la sua forza dalla fragilità delle cose».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizie sportive





I più letti di oggi

Copyright © 2020 GSTV24 - GrossetoSport Contatti: email - redazione@gstv24.it